Processo d' invecchiamento del viso

Chirurgia estetica del volto

Lifting viso a che età

//Lifting viso a che età
Lifting viso a che età 2017-01-13T10:58:55+00:00

chirurgia-estetica-h-lifting-04Il lifting del viso è l’ intervento di chirurgia estetica più importante per quanto riguarda il ringiovanimento del viso. Si tratta di una tecnica che ha come obiettivo il rassodamento della cute del volto e della struttura muscolare sottostante. L’ obiettivo viene raggiunto attraverso la rimozione della pelle in eccesso eseguendo delle incisioni posizionate tra i capelli, davanti all’ orecchio e lungo l’attaccatura dei capelli dietro il padiglione auricolare.

La decisione di sottoporsi al lifting del viso è frutto della maturazione di un disagio legato al proprio  aspetto che non coincide con l’ età “mentale”. Il lifting comporta normalmente la possibilità di “appartenere” ad una categoria d’ età inferiore rispetto a quella effettiva. In passato i pazienti che decidevano di sottoporsi al lifting del viso erano quasi sempre ultra cinquantenni in cerca correggere i segni dell’ invecchiamento. Oggi oltre a questa categoria di persone è comparsa una classe d’ età più giovane. Si tratta dei quarantenni che ricercano di allungare il periodo di massima giovinezza prevenendo da subito i primi segni dell’ invecchiamento.

 

Lifting viso a che età: Statistiche

La società americana di chirurgia plastica estetica (ASAPS) ha pubblicato recentemente le statistiche dell’ anno 2013 indicando anche la distribuzione per classe d’ età degli interventi. Per quanto riguarda il lifting del viso possiamo vedere che la categoria 35-50 anni, una volta quasi inesistente, attualmente rappresenta oltre il 13%. Si tratta di soggetti che decidono di mantenere un aspetto giovane piuttosto che ripristinare una situazione che ha già “incassato” i segni del tempo.

Classe d’ età 19-34 anni 35-50 anni 51-64 anni 65+ anni
Percentuale 0,2% 13.8% 56.4% 29.6%

 

Lifting viso a che età: Il nostro consiglio

I pazienti devono sottoporsi agli interventi chirurgici desiderati quando hanno maturato la necessità dal punto di vista psicologico. Non si deve procedere a seguito di un trend generalizzato e indotti da chissà quale pubblicità. Questo ragionamento vale per tutta la chirurgia estetica e ancor di più per il lifting facciale.

Considerando invece l’ argomento dal punto di vista oggettivo, essendo che la chirurgia estetica ha come prevalente obiettivo il miglioramento della qualità della vita, riteniamo che il lifting del viso “prematuro” (attorno ai 40 – 45 anni) in alcuni casi possa essere un gradito prolungamento della giovinezza e una efficace maniera di prevenire il rilassamento cutaneo incombente.