Lipofilling: Tecnica chirurgica

Home/Lipofilling: Modellamento del corpo/Lipofilling: Tecnica chirurgica
Lipofilling: Tecnica chirurgica 2017-01-13T10:58:18+00:00

La tecnica di lipofilling

Il lipofilling è una interessante tecnica di chirurgia estetica che consente di correggere diversi inestetismi del corpo legati alla mancanza di volume e/o spessore del pannicolo adiposo. La tecnica che prevede il prelievo di tessuto adiposo con una liposuzione e la successiva infiltrazione può essere consigliabile per correggere i glutei piatti / poco sporgenti, il seno piccolo o asimmetrico, il viso scarno, le cicatrici avvallate o il dorso delle mani “troppo magro”

Il lipofilling consiste nel trapianto di tessuto adiposo da una zona donatrice a una zona ricevente. Essendo materiale autologo e quindi non ci sono rischi di allergie. In pratica è un autotrapianto di grasso.

Anestesia locale tumescente

L’ intervento di lipofilling viene realizzato con un protocollo anestesiologico speciale basato sulla chirurgia tumescente. Questa prevede l’infiltrazione di una soluzione composta da soluzione fisiologica, carbocaina (anestetico locale) e epinefrina (farmaco vasocostrittore) che permettono lo svolgimento della procedura in comfort e sicurezza.

Anestesia locale e lipofilling

Progettazione del lipofilling

Prima di procedere il chirurgo estetico disegna la zona donatrice. La quantità di tessuto adiposo a disposizione dovrà essere eccedente alla effettiva necessità perché il lipofilling prevede una sovracorrezione perché si tiene conto del volume adiposo trapiantato che mediamente viene riassorbito.

Si disegna quindi la zona ricevente come guida per l’infiltrazione delle adipocita che doneranno il volume desiderato dal paziente.

Programmazione del lipofilling

Liposuzione per prelevare il tessuto adiposo

Con l’impiego di una cannula di diametro adatto al caso specifico si procede con la liposuzione sulla zona donatrice che risulta essere “abbondante” di adipe dal punto di vista estetico. La cannula viene inserita nel pannicolo adiposo attraverso una piccola incisione cutanea che di solito non lascia cicatrici esteticamente evidenti. La liposuzione attuata sul pannicolo adiposo preparato con soluzione tumescente risulta essere meno traumatica ed estrae tessuto adiposo con minima perdita di sangue.

Il tessuto adiposo prelevato viene poi separato nelle sue componenti per infiltrare esclusivamente la parte adipocitaria.

Liposuzione prima del lipofilling

Infiltrazione del tessuto adiposo

Il tessuto prelevato e filtrato – con l’impiego di speciali siringhe – viene infiltrato nella zona interessata. Questa fase dell’intervento richiede esperienza e manualità in quanto un’ errata tecnica comporta un elevato tasso di riassorbimento delle cellule adipose. Il dott. Carlo Alberto – spcialista in chirurgia plastica – ha eseguito nella sua carriera migliaia di procedure di lipofilling. 

Lipofilling - infiltrazione cellule adipose
Il lipofilling quasi sempre viene realizzato in abbinamento ad altri interventi (es. liposuzione addome, fianchi, cosce e lipofilling glutei). La procedura esclusivamente di lipofilling ha una durata media di 30 minuti.
La procedura viene eseguita in anestesia locale e sedazione. La tecnica anestesiologica è quella tumescente.
La procedura di lipofilling normalmente prevede una medicazione post operatoria dopo 7 giorni che consiste nella rimozione del bendaggio apposto subito dopo la chirurgia.
Le cicatrici (una o due di 1 cm di lunghezza) di solito non sono visibili perché piccole e prevalentemente nascoste.
Sapevi che la marcata obesità produce iperplasia adipocitaria?
Il numero di cellule adipose in un adulto è fisso. L’ aumento di peso si traduce nella crescita di volume delle cellule adipose presenti così come il dimagrimento si verifica con la riduzione del volume delle stesse. Quando il paziente aumenta di peso considerevolmente e cioè raggiunge l’indice di massa corporea BMI>35 si innesca il processo di iperplasia delle cellule adipose: Aumenta il loro numero. Questo evento rappresenta un danno per il metabolismo del soggetto che – anche perdendo il peso precedentemente acquisito – non assisterà ad una riduzione del numero d’ adipocità. Ciò rende il paziente molto più soggetto ad aumentare nuovamente di peso.