Riduzione seno: Rischi e consenso

La mastoplastica riduttiva è un intervento chirurgico e come tale è soggetto a rischi e complicanze generali (tipici di tutti gli interventi chirurgici) e specifici della riduzione mammaria.

I rischi della mastoplastica riduttiva non sono particolarmente importanti nel senso che normalmente hanno una frequenza bassa e con effetti temporanei.

Comunque è necessario che la paziente conosca i rischi della procedura di chirurgia estetica desiderata in modo da decidere consapevolmente in merito all’ intervento stesso.

rischio mastoplastica riduttiva

Mastoplastica riduttiva Rischi specifici

I rischi specifici della mastoplastica riduttiva sono:

  • Asimmetria mammaria: A seguito della mastoplastica riduttiva, può talora accadere che i seni risultino asimmetrici di volume o di figura differenti. Si consideri che un certo grado di asimmetria dei seni è normale e che in natura di norma non esiste una perfetta simmetria.
  • Parestesia: Può verificarsi disagio o insensibilità del seno o della areola: tali fenomeni sono di regola temporanei, ma talora possono avere natura permanente.
  • Necrosi cutanea / areolare: Altro effetto indesiderato è costituito, seppure raramente, dalla perdita del tessuto che include anche tutta l’areola: ciò richiederà eventualmente una successiva ricostruzione chirurgica.
  • Cicatrici insoddisfacenti: L’intervento di mastoplastica riduttiva può talora lasciare esiti cicatriziali insoddisfacenti. Ciò normalmente è dovuto alla risposta soggettiva della paziente. Le cicatrici potranno essere successivamente revisionate. Questo secondo intervento è comunque soggetto al medesimo rischio.

I rischi e complicanze di carattere generale e comuni a tutti gli interventi chirurgici sono emorragie, infezioni e reazioni indesiderate all’ anestesia.

Rischi della chirurgia estetica del seno: Si ma controllati

I rischi della chirurgia per la riduzione del seno sono maggiori rispetto agli altri interventi mammari. Questi sono di carattere estetico e la paziente deve conoscerli, accettarli consapevolmente e ritenere che siano adeguati al risultato atteso.

In mancanza di un consenso veramente consapevole dell’ intervento e meglio sospendere la procedura in attesa di una migliore maturazione psicologica della paziente.

Rischio cicatrici non gradevoli