Trapianto capelli controindicazioni

/Trapianto capelli controindicazioni
Trapianto capelli controindicazioni 2017-01-13T10:58:52+00:00
Vedi tutto


Il trapianto di capelli trova indicazioni in pazienti con zone calve o diradate che non hanno reagito ha trattamenti clinici o che non desiderano assumere i relativi farmaci per evitare il rischio degli effetti indesiderati.

Il paziente deve essere consapevole che i capelli trapiantati sono geneticamente più forti e difficilissimamente cadranno. I capelli “originari” ancora rimasti sulla zona diradata potranno ancora cadere e rendere meno piacevole il risultato ottenuto dal trapianto.

Le aspettative del paziente in relazione al risultato devono essere realistiche principalmente tenendo conto che la procedura non prevede l’aumento dei capelli in testa ma la loro ridistribuzione.

Controindicazioni

  • Zona donatrice non sufficiente
    Il paziente non dispone di una zona donatrice di superficie e densità sufficiente al reperimento di un numero adeguato di unità follicolari
  • Aspettative irealistiche
    Il paziente desidera un risultato non raggiungibile con la tecnica chirurgica
  • Capelli con calibro eccessivamente sottili
    Il calibro dei capelli e – di conseguenza – del follicolo sono minore del minimo necessario per la manipolazone
  • Assunzione di anti infiammatori che rendono il sangue più liquido
    I farmaci aumentano il rischio di perdita di sangue
  • Alcune patologie dermatologiche del cuoio capelluto
    Malattie del derma possono non permettere l’intervento. Durante la visita il chirurgo verificherà la fattibilità dell’intervento e indicherà eventuale terapia
  • Predisposizione alla cicatrizzazione ipertrofica
    Una cicatrizzazione eccessivamente aggressiva può rendere esteticamente meno gradevole il risultato
Per ridurre il rischio di una brutta cicatrice a seguito dell’ escissione del cuoio capelluto si può fare qualcosa?
La tecnica di trapianto capelli a singole unità follicolari a mezzo Trilix non prevede incisioni di sorta e non lascia cicatrici. Teoricamente solo pazienti particolarmente predisposti a cicatrizzazione aggressiva potrebbero avere minimi segni del prelievo.