Chirurgia estetica seno Anestesia locale, efficace e meno invasiva

chirurgia estetica seno anestesia locale

Chirurgia estetica seno anestesia locale

La chirurgia estetica al seno con la nostra tecnica è realizzata evitando di ricorrere all’anestesia generale, ritenuta più invasiva e rischiosa. Il tipo d’ anestesia ottimale prevede l’infiltrazione nella zona interessata di un anestetico locale (mepivacaina) previa sedazione endovenosa profonda.

L’anestesia locale si limita alla zona d’intervento (area mammaria). La procedura anestetica, però, è formulata in modo da minimizzare anche psicologicamente lo stress chirurgico per la paziente, e perciò viene somministrato per via endovenosa una sedazione che induce ad uno stato di sonno, evitando nel contempo di ricorrere all’anestesia generale (e alla respirazione assistita).

Inoltre i tessuti del seno vengono infiltrati di una soluzione che produce vasocostrizione (limita l’afflusso di sangue) pilotata durante la chirurgia, garantendo al chirurgo una buona visibilità del campo operatorio, una minore perdita ematica e una degenza più leggera.

I vantaggi dell’ anestesia locale abbinata alla sedazione

La chirurgia estetica al seno eseguita in anestesia locale o locoregionale abbinata ad una sedazione più o meno profonda offre i seguenti vantaggi:

  • Ripresa immediata della paziente
  • Minore invasività cardiorespiratoria
  • Effetto analgesico prolungato
  • Vasocostrizione abbinata
  • Paziente non vigile
  • Autonomia respiratoria trans chirurgica

Anestesia locale con Mepivacaina

E’ un anestetico locale / loco-regionale che impedisce la produzione dell’ impulso nervoso del dolore agendo sulla membrana cellulare dove esercita una modesta azione diretta sull’assoplasma (cellule nervose). La mepivacaina blocca la conduzione elettrica. L’effetto anestetico è quasi immediato e la durata è medio-lunga.

Chirurgia estetica seno Anestesia locale: FAQ

Questo tipo d’anestesia annulla completamente il dolore?
Certamente. Questa procedura anestesiologica controlla in maniera efficace il dolore per cui la paziente non sentirà alcun dolore né durante l’intervento né dopo (grazie all’effetto analgesico dell’anestetico locale).

Sono cosciente durante l’intervento?
Questa è una (infondata) paura delle pazienti quando sentono che l’intervento si esegue in anestesia locale. Nella realtà si tratta di una moderna anestesia che combina l’anestetico locale con una sedazion intravenosa profonda che consente all’anestesista di provata esperienza di controllare e modulare la profondità della sedazione. La paziente durante tutto l’intervento dorme e non può svegliarsi. Alla fine dell’intervento l’anestesista sospende la sedazione e quindi la paziente dopo qualche minuto si sveglia ma rimane per qualche ora assonnata.

Quali sono i rischi di questo tipo d’anestesia?
Tutti i tipi d’anestesia comportano potenziali rischi ma l’anestesia locale con sedazione risulta essere meno rischiosa perché la paziente respira autonomamente, i farmaci impiegati sono molto meno invasivi e vengono usati frequentemente in medicina.

Esami clinici prima dell’ anestesia locale

Ovviamente come per ogni intervento chirurgico la paziente dovrà sottoporsi preventivamente ad analisi clinici che certifichino il buono stato di salute. In particolare viene prescritto un elettrocardiogramma ed i seguenti esami del sangue:

  • TASSO DI PROTROMBINA
  • TEMPO DI TROMBOPLASTINA PARZIALE
  • TRANSAMINASI
  • AZOTEMIA
  • EMOCROMO
  • GLICEMIA
  • VELOCITA’ DI ERITROSEDIMENTAZIONE
  • IONEMIA (SODIO-POTASSO-CLORO)
  • ECG

In caso di necessità accertata in fase di anamnesi si procederà a eventuali ulteriori accertamenti.