P

a  b  c  d  e  f  g  h  i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  t  u  v  w  x  y  z

Padiglione auricolareParte cartilagenea costituente l’orecchio esterno. Se le pliche non sono adeguatamente accentuate, si verificano le cosiddette orecchie a sventola, correggibili con un intervento di otoplastica.
PalpebraPiega curanea che copre l’occhio. La palpebra superiore, con l’età è soggetta a ptosi. L’intervento di correzione delle dismorfie delle palpebre è la blefaroplastica.
Peeling laserRingiovanimento del viso attraverso l’ablazione dello strato cutaneo superficiale. È un’evoluzione tecnologica della dermoabrasione meccanica e dei peeling chimici. Il peeling eseguito con il laser CO2, a differenza delle tecniche precedenti, vanta una totale precisione nella profondità d’azione e una migliore qualità del risultato.
PeriostioMembrana fibrosa che avvolge l’osso.
PessiaSuffisso di interventi chirurgici volti al sollevamento di una parte (per es. mastopessi)
PigmentazioneDistribuzione delle cellule pigmentate (colorate) nella pelle (melanina).
PigmentoSostanza colorante organica presente nei tessuti animali e vegetali.
PilosebaceoRelativo ai follocoli del pelo e alla ghiandola sebacea.
PlasmaParte liquida del sangue nella quale sono sospesi gli elementi corpuscolari (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine). Costituisce il 55% del sangue.
PlasticaIn chirurgia indica un intervento a fini estetici o ricostruttivi. Deriva dal greco “plassein”, “modellare”.
PlatismaMuscolo del collo posizionato nella parte anteriore. La ptosi di questo muscolo determina gli inestetisni del collo correggibili con un liftingdella parte.
PlicaturaIn chirurgia indica il ripiegamento di un tessuto in modo da ispessirlo, rafforzarlo e metterlo in tensione.
Poro dilatatoCiascuno dei piccoli orifizi della cute in cui sboccano le ghiandole sudoripare e sebacee. Con l’invecchiamento si nota un aumento dei pori eccessivamente aprti, tanto da risultare visibili e antiestetici. Un ciclo di sedute di fotoringiovanimento riduce il problema.
ProfiloplasticaCombinazione di due interventi di chirurgia estetica: rinoplastica ementoplastica. Tale intervento è volto all’armonizzazione del profilo del viso.
ProminenzaProtuberanza.
ProtesiDispositivo artificiale inserito in luogo di un organo o una parte di organo mancante. In chirurgia estetica, la più conosciuta è la protesi al seno utilizzata per l’aumento del volume mammario (mastoplastica additiva). Le migliori protesi per comfort, sicurezza e durata sono le protesi al gel di silicone con superficie testurizzata.
Pseudo ginecomastiaParvenza femminile di un seno maschile determinato dalla presenza di accumuli adiposi. Spesso confusa con la ginecomastia, la pseudo-ginecomastia è risolvibile con una liposuzione localizzata.
PtosiRilassamento di una parte corporea od un organo che risulta così sceso rispetto alla sede originaria (seno, palpebre, muscoli del viso,…).
Punta del nasoEstremità cartilaginea (cartilagini alari) e cutanea del naso. Può essere carnosa o prominente, peculiarità correggibili con una rinoplastica.
Punto (di sutura)Singolo elemento della sutura (chiusura chirurgica) di una ferita, costituito generalmente da un nodo.

Breve glossario di termini usati in chirurgia estetica e relativi ad argomenti trattati da questa branca della medicina.