Gentile dottor Pallaoro, il mio problema è la calvizie. Nonostante la mia età (ho quasi 24 anni) comincio già ad essere un po’ troppo stempiato e soluzioni come integratori e tagli drastici di capelli non hanno sortito nessun effetto. Non avevo mai considerato una soluzione chirurgica, perché trovo ridicolo l’effetto fasullo di certi trapianti e, siccome sono scettico di natura, non mi fido di chi promette “capelli veri” senza autotrapianto. Esiste un intervento per me o sono troppo esigente? Non dimentichi che non cerco una soluzione “sfacciata”, ma qualcosa che sia il più possibile graduale e simile alla mia naturale capigliatura di qualche anno fa. La ringrazio per i consigli, Mattia S. – Pordenone

Gentile Mattia, con le nuove tecniche di chirurgia tricologica è possibile programmare un reinfoltimento del cuoio capelluto personalizzato, che tenga conto delle diverse caratteristiche del paziente: sesso, età, forma del viso, ma anche personalità! Rispetto al passato, inoltre, l’evoluzione chirurgica consente oggi di ottenere risultati naturali. I “nuovi” capelli crescono infatti nella stessa direzione di crescita della zona specifica in cui vengono trapiantati. L’ autotrapianto con la nuovissima tecnica di Hair transplant megasession, ad esempio, rispetto al tradizionale bisturi, consente una percentuale di sopravvivenza maggiore poiché i bulbi non vengono sottoposti ad eccessiva manipolazione. Con il Trilix, un drill microchirurgico, per mezzo del quale è possibile ottenere in un’unica seduta un trapianto anche di migliaia di unità follicolari. Il bulbi donatori vengono prelevati con il Trilix singolarmente dalla nuca e trapiantati – sempre con lo stesso drill – nella nuova sede senza bisogno di ricorrere a suture o ad adesivi cutanei. Grazie a questi accorgimenti è possibile un’ottimale redistribuzione della capigliatura ed una più celere e certa ricrescita. A seconda della vastità del suo problema, due o tre sedute distanziate di circa sei mesi l’una dall’altra dovrebbero essere sufficienti.

lettere al chirurgo estetico