Vaginoplastica anestesia

Vaginoplastica anestesia2017-01-13T10:58:43+00:00

Chirurgia estetica vaginale in anestesia locale

La tecnica anestesiologica più indicata per l’ intervento di vaginoplastica è quella locale con epinefrina e sedazione modulata. L’ anestesia generale è troppo invasiva e quella locale semplice troppo “cruda”.
Il protocollo anestesiologico moderno prevede un’azione combinate in modo da ottimizzare l’esecuzione dell’ intervento ed il comfort pre – trans –   post operatorio della paziente mantenendo sempre la massima sicurezza operatoria.

Come avviene l’anestesia?

In primo luogo l’ anestesia deve essere eseguita da parte di un anestesista di provata capacità ed esperienza all’interno di una sala operatoria attrezzata per il monitoraggio e la gestione del paziente. La prima parte consiste nella sedazione che rende la paziente meno vigile. Successivamente vengono eseguite le infiltrazioni d’anestetico locale con epinefrina (vasocostrittore). La paziente non avverte il dolore delle punture grazie alla sedazione. Immediatamente dopo l’intervento la paziente si riprende e dopo un paio d’ore può tornare a casa.

L’ anestesia locale produce un prolungato effetto analgesico e quindi il dolore durante il primo post operatorio è completamente assente. Qualora la paziente lamentasse dolore nei giorni successivi è possibile prescrivere un analgesico specifico.

Argomenti: chirurgia estetica intima anestesia, chirurgia vaginale anestesia locale