Farmaci per curare l’alopecia

Le informazioni contenute in questa pagine sono soggette ad aggiornamento per la continua evoluzione dell’argomento.

Con il termine alopecia si descrive un progressivo diradamento dei capelli, che subiscono sia una diminuzione di numero che un indebolimento generale perdendo elasticità, spessore e colore. La più diffusa tipologia è l’alopecia androgenetica che come suggerisce l’etimologia stessa consiste in una condizione propriamente maschile che segue la via ereditaria e soggetta alle alterazioni ormonali. Esistono altri tipi di alopecia: quella areata e quella provocata da malfunzionamenti della tiroide. L’alopecia viene anche definita calvizie.

alopecia farmaci

Cause

È stato accertato che la componente genetica ha un peso rilevante sulla comparsa dell’alopecia, essa tuttavia non ne è l’unica causa, poiché tale stato si attiva anche in presenza di stress (sia esso fisico o mentale) nonché dopo eventi altamente traumatici. Vi è una correlazione anche fra comparsa di alopecia e deficit del sistema immunitario o patologie autoimmuni. Statisticamente l’incidenza dell’alopecia sugli uomini risulta essere di molto maggiore rispetto a quella sulle donne. È importante sapere che in età infantile non si potrà mai manifestare l’alopecia poiché per attivarsi essa ha bisogno sì della componente genetica, ma anche di quella ormonale ovvero degli androgeni.

Sintomi

I sintomi di alopecia sono ben visibili ad un solo esame obiettivo e risiedono principalmente nel diradamento progressivo dei capelli. Vi sono alcuni soggetti che lamentano anche prurito associato a fastidio localizzato nelle aree interessate dal diradamento. Il cuoio capelluto non è l’unica area colpita, infatti oltre ai follicoli capilliferi anche quelli piliferi possono essere soggetti ad alopecia con la conseguenza che a cadere sono i peli di barba, sopracciglia e genericamente la peluria di cui è ricoperto il corpo. Solo nel caso dell’alopecia telogenica si può parlare di reversibilità e in genere essa tende a scomparire una volta rimossi i fattori scatenanti lo stress.

Farmaci per curare l’alopecia

Le ripercussioni maggiori dell’alopecia sono di tipo psicologico. Nei suoi diversi stadi, siano essi lievi o più severi, essa coinvolge l’80% della popolazione maschile che, con sempre più grande interesse, cerca soluzioni per debellare quello che viene percepito come un problema estetico. È per questo che si nota un incremento nell’utilizzo di trattamenti volti al contrasto della calvizie.

L’approccio ad un trattamento farmacologico deve sempre avvenire attraverso l’intervento di un medico. Solo uno specialista infatti può individuare la giusta strada da percorrere prendendo in considerazione tutti gli aspetti personali del paziente, non ultimi la salute del soggetto, la sua storia clinica, i possibili effetti collaterali e infine lo stato di avanzamento della calvizie. Di seguito un elenco dei farmaci attualmente impiegati nel trattamento dell’alopecia maschile.

Alopecia farmaci: Minoxidil

Minoxidil  (es. Loniten, Minoximen, Carexidil, Aloxidil, Regaine, Minovital): trattamento topico da applicare con  la finalità di rinvigorire il capello. La dose consigliata è di 2 ml suddivisa in due applicazioni quotidiane.

Quando l’alopecia è in uno degli ultimi stadi della scala Hamilton-Norwood il ricorso ai farmaci è sconsigliato, poiché il loro utilizzo non sarebbe efficace, è utile invece considerare altre vie capaci di eliminare definitivamente il problema come l’infoltimento e l’autotrapianto che consiste in un intervento chirurgico in cui i follicoli capilliferi vengono ridistribuiti uniformemente sul cuoio capelluto.

Rimedi calvizie: Minoxidil

Alopecia farmaci: Finasteride

Finasteride (es. Prostide, Proscar, Propecia, Sitas, Finerid): L’azione di questo farmaco si basa sull’inibizione dell’enzima 5-alfa-reduttasi (di tipo 2), responsabile della perdita di spessore, colore, lunghezza ed elasticità del capello. Si tratta di un farmaco a somministrazione orale il cui dosaggio si attesta solitamente in un 1 mg al giorno. Dalle prime somministrazioni è necessario attendere un periodo che varia dai tre ai sei mesi prima di poter osservare dei miglioramenti. Quando viene sospeso il trattamento l’alopecia tende a ricomparire tendenzialmente entro dodici mesi.

Rimedi calvizie: Minoxidil

Alopecia farmaci: Alfatradiol

Alfatradiol: anche in questo caso l’azione è inibitrice e anche questa volta si vuole silenziare l’enzima 5-alfa-reduttasi. Si tratta di un farmaco ad uso topico ossia di una lozione da applicare direttamente sul cuoio capelluto. È un rimedio recente la cui applicazione arresterebbe il diradamento (se sospeso anche in questo caso la caduta dei capelli si riattiverebbe).

Altri percorsi farmacologici sono rappresentati da:

Triamcinolone (es. Kenakort): appartiene al gruppo degli ormoni steroidei ed è applicabile localmente non più di due volte a settimana per un totale di 75 mg. La sua efficacia è nota soprattutto nella cura all’alopecia areata.

Sulfasalazina (es. Salazopyrin): regola la risposta immunitaria dell’organismo è può quindi essere utilizzato anche per contrastare la calvizie soprattutto l’alopecia di tipo areata autoimmune. A seconda del caso specifico la dose, si tratta di un trattamento per via orale, dai 500 mg al grammo, e la cura segue cicli di sei mesi.

Tra le varie alternative vi sono anche i rimedi naturali quali ad esempio la fitoterapia che si avvale dell’azione curativa delle piante. Il potere astringente, la capacità di stimolare il microcircolo e la capacità di indurre un miglioramento cutaneo sono buoni alleati nel contrasto alla caduta dei capelli, anche se la loro azione è pur sempre temporanea. Fra le piante che maggiormente sono in grado di garantire tali azioni benefiche per il capello vi sono il Rosmarino, l’ortica, il timo, l’olmo, il capisco, la Quillaja saponaria, la noce e la Bardana. I principi attivi di queste piante vanno applicati localmente e fatti assorbire attraverso un massaggio.

Nel trattamento dell’alopecia androgenetica femminile sono invece da preferire i farmaci topici che dunque verranno applicati direttamente sulla zona interessata dal diradamento. I più prescritti sono quelli a base di steroidi ovarici (progestinici), ormoni femminili (estrogeni) oltre al minoxidil. Qualora invece l’alopecia fosse associata alla presenza di disfunzioni ormonali (ne è un esempio l’iperandrogenismo spesso causato dalla sindrome dell’ovaio policistico) allora la cura alla calvizie passerà attraverso il tentativo di riequilibrio ormonale con l’utilizzo di farmaci orali come lo spironolattone con funzione di conversione degli ormoni androgeni in eccesso, il ciproterone o per esempio la pillola anticoncezionale anch’essa contenete ciproterone acetato che contrasta l’azione degli androgeni e l’etinilestradiolo, estrogeno con una funzione benefica sul capello.