Effetti collaterali della rinoplastica

Si definisce “effetto collaterale” un risultato secondario non ricercato dall’azione originaria. La rinoplastica ha come effetto primario il modellamento del naso ma – contemporaneamente al raggiungimento del primo – possono verificarsi altri effetti non necessariamente negativi. Gli effetti collaterali possono essere transitori o permanente.

In seguito elenchiamo alcuni degli effetti collaterali dell’intervento di modellamento del naso:

Effetti collaterali della rinoplastica
Prenota visita
Consulenza per immagini
Video

Effetti collaterali della rinoplastica: Riduzione della funzione respiratoria

La rinoplastica prevede il rimodellamento del naso. Nella maggioranza dei casi lo stesso prevede la riduzione del volume nasale con la conseguente riduzione della cavità nasale. Questa – tenendo conto della conformazione dinamica dei turbinati – potrebbe quindi risultare nel post operatorio insufficiente per la normale funzione respiratoria. Il chirurgo estetico dovrà agire con parsimonia per evitare questo effetto collaterale. Questo effetto collaterale della rinoplastica può definirsi tale quando la diminuzione della funzionalità è minima. Se invece dovesse essere marcata o severa, si dovrà parlare di eccessivo ridimensionamento della piramide nasale e quindi di un errore del chirurgo estetico.

Effetti collaterali della rinoplastica: Riduzione della funzione olfattiva

Sono state riportate in letteratura scientifica casi di anosmia post rinoplastica. Si tratta dell’incapacità del paziente di percepire gli odori. La procedura di rinoplastica interviene sulle mucose, sulle cartilagini e sulla struttura ossea. Avvengono anche scollamenti dei tessuti ma comunque non collegati al meccanismo di percezione degli odori. Il motivo della anosmia post rinoplastica è probabilmente dovuto ad una lesione del nervo olfattivo. L’effetto collaterale è talmente raro da non essere statisticamente rilevante.

Effetto collaterale della rinoplastica: Modificata percezione di sé

La chirurgia estetica del naso ha come obiettivo la modifica del profilo del naso e la conseguente armonizzazione del viso e il miglioramento dell’immagine in generale. A differenza del lifting al viso che “sposta in dietro le lancette dell’orologio” della stessa immagine, la rinoplastica trasforma il viso rendendolo armonico ma diverso. Alcuni pazienti possono esperimentare disagio nel vedere la propria immagine modificata e potrebbe richiedere molto tempo per abituarsi alla nuova immagine.

Nella foto possiamo osservare come una donna dopo l’intervento acquisisca una diversa “personalità” estetica e ciò necessariamente comporterà un cambiamento nei rapporti interpersonali.

Effetto collaterale della rinoplastica: Modificata percezione di sé

Effetto collaterale della rinoplastica: Gonfiore persistente

Dopo l’intervento di modellamento del naso è assolutamente normale che la zona interessata alla chirurgia presenti un certo grado di gonfiore. Si tratta del normale edema post chirurgico (aumento di volume dei tessuti dovuto all’accumulo in eccesso di fluidi). Di norma il gonfiore tende a riassorbirsi velocemente durante le prime settimane dopo la procedura. In rari casi si può verificare una maggiore difficoltà nel drenaggio e riassorbimento dell’edema che può durare anche svariati mesi.

Approfondimenti e pagine correlate