chirurgia estetica capezzoli candidata

Chirurgia estetica capezzoli : Paziente adatta

Per candidarsi ad un intervento di chirurgia estetica la paziente deve avere alcune caratteristiche fisiche e psicologiche. Operare candidate non adatte può comportare rischi sulla salute della paziente ed ottenere risultati non soddisfacenti. La chirurgia estetica dei capezzoli è mini invasiva ed ha rischi davvero limitati che comunque non devono essere sottovalutati.

Ecco le caratteristiche della candidata ottimale:

Maggiorenne: La chirurgia estetica – salvo casi eccezionali – va eseguita su pazienti che hanno almeno compiuto i 18 anni. Ciò perché si ritiene opportuno attendere il completamento dello sviluppo corporeo prima di procedere con eventuali correzioni.

Salute: Per sottoporsi alla chirurgia bisogna avere uno stato di salute adeguato. Anche se l’intervento ai capezzoli è piccolo, la paziente comunque dovrà sottoporsi agli esami clinici di routine. Ciò allo scopo di verificare lo stato di salute generale la corretta capacita di coagulazione.

Aspettative: Chi si opera deve avere aspettative realistiche. A tale scopo deve conoscere – anche vedendo le foto prima e dopo – le caratteristiche del risultato atteso. La paziente deve ritenere che il risultato oggettivamente atteso sia compatibile con le aspettative proprie.

Maturità psicologica: Prima di sottoporsi all’intervento la paziente deve esprimere un consenso informato alla specifica chirurgia dopo avere ricevuto le informazioni sulla tecnica, il post operatorio, i risultati e rischi e complicanze. A tal fine è fondamentale che la paziente presenti un grado di maturità compatibile.

Prenota visita
Consulenza per immagini
Video

Le candidate per questo tipo di intervento sono le donne con una delle seguenti caratteristiche:

  • Capezzoli assimetrici:
    Causati da interventi chirurgici al seno o dal naturale processo di invecchiamento che modifica  la forma del seno e la posizione del capezzolo, o capezzoli con le linee irregolari.
  • Capezzoli introflessi:
    Insufficiente o assente sporgenza dei capezzoli o addirittura rientro.
  • Capezzoli ipertrofici:
    Capezzoli eccessivamente sporgenti.
capezzolo introflesso

Alle donne che intendono allattare al seno potrebbe non essere indicato l’intervento correttivo. Esiste infatti la possibilità – anche se poco probabile – che la paziente non possa successivamente allattare.

L’ intervento è semplice dal punto di vista operatorio ma comunque è possibile che non si raggiunga una perfetta simmetria. La paziente adatta a questa procedura deve avere aspettative realistiche ed accettare la possibilità di correggere l’ inestetismo con una leggera asimmetria.