cicatrice acne

Si possono cancellare le cicatrici d’acne?

Forse la parola cancellare non è corretta ma con la micro chirurgia estetica si possono rimuovere le cicatrici d’acne sostituendo la porzione di tessuto cutaneo danneggiata con altro tessuto integro.

L’acne giovanile molto spesso lascia sulla superficie cutanea dei deturpanti buchetti (cpa = cicatrici post acne). Le zone più colpite, a volte in maniera piuttosto diffusa, sono la fronte, le guance, il mento, il collo ma spesso la malattia acneica non tralascia neppure altre aree seborroiche come la parte alta del dorso e delle braccia, il torace od il cavo ascellare.

Le cicatrici post acne costituiscono un problema estetico molto sentito, soprattutto quando compaiono in una zona così facilmente esposta come il viso.

Per asportarle, senza produrre esiti cicatriziali esteticamente rilevanti, si rivela efficace la mosaic surgery (tecnica microchirurgica messa a punto dal dottor Carlo Alberto Pallaoro).

La terapia chirurgica si basa sull’asportazione per mezzo di un drill microchirurgico (Trilix) del singolo buchetto e relativa sua sostituzione con derma in buone condizioni, prelevato da un punto nascosto (come il lobo dell’orecchio) e dalle adeguate caratteristiche e dimensioni.

Tale sorta di mosaico chirurgico viene realizzato in anestesia locale infiltrativa, nell’arco di un’unica seduta. Le microasportazioni non implicano un importante processo di cicatrizzazione, consentendo alla zona trattata una veloce guarigione (7/10 giorni). Al termine della microchirurgia, nessuna necessità di ricorrere a punti di sutura né a collanti chirurgici: è sufficiente la sola applicazione di un cerotto chirurgico.

Consulenza
Visita
Foto
Video
WhatsApp

Cicatrici da acne

Gli esiti delle pregresse lesioni infiammatorie acneiche spesso danno luogo a cicatrici dalle forme diverse, a seconda della lesione acneica preesistente. Le cicatrici di minore entita’ si hanno a seguito di lesioni comedoniche mentre lesioni papulo-pustolose comportano cicatrici crateriformi e deturpanti, a volte di tipo cheiloideo.

La presenza di cicatrici – specie in un punto cosi’ esposto come il viso costituisce un problema estetico ma coinvolge anche anche la sfera psicologica, causando complessi e insicurezze e minando una buona qualita’ di vita e le relazioni sociali.

Micro chirurgia estetica del viso

Gli inestetici “buchetti” formatisi a seguito delle lesioni acneiche vengono rimossi con un drill microchirurgico e sostituiti (come in un vero e proprio mosaico) con microtesserine cutanee in perfette condizioni.

Le asportazioni sono talmente micro da non innescare un importante processo di cicatrizzazione e da consentire pertanto una guarigione rapida e senza complicanze. Il derma sostitutivo viene prelevato da un’area nascosta (in genere la zona retroauricolare) e inserito a perfetto incastro nel punto in cui precedentemente si trovava il solco cicatriziale.

Centimetro dopo centimetro viene ricostruita la compattezza e levigatezza della pelle e, nell’arco di 7-10 giorni, non si noteranno tracce esteticamente rilevanti della microchirurgia.

L’acne mosaic aesthetic surgery si realizza in anestesia locale infiltrativa e richiede in media due/tre sedute, eseguite a distanza di 15/20 giorni una dall’altra.

Qual’è la differenza con altre tecniche?

Rispetto alle altre tecniche finora impiegate in caso di cicatrici post acneiche (come la dermoabrasione, il peeling o il riempimento infiltrativo) la microchirurgia a mosaico non si orienta semplicemente a migliorare la qualita’ estetica dell’inestetismo (cicatrice), ma si cerca di eliminarlo cosi’ da riportare la cute al suo aspetto ideale.

Puo’ essere effettuato su qualsiasi paziente?

L’idoneita’ alla terapia microchirurgica delle cicatrici post acne e’ in rapporto al tipo di cute che il paziente presenta e che non deve avere tendenza a cicatrizzarsi in maniera ipertrofica/cheloidea.

Vale solo per le cicatrici da acne?

La tecnica chirurgica si può applicare anche nel caso dei buchetti lasciati dalla varicella. Specie se presa in tarda eta’, questa malattia può lasciare esiti cicatriziali anche profondi, soprattutto a livello del viso: la procedura e’ pero’ la stessa prevista per le cicatrici acneiche.

Principali tappe della chirurgia estetica dell’ acne:

L’intervento di acne mosaic surgery è composto dalle seguenti fasi:

  1. Con uno speciale drill di micro-chirurgia, vengono gradualmente prelevati i solchi cicatriziali lasciati dall’acne. Le microasportazioni avvengono in anestesia locale infiltrativa
  2. Dopo aver pulito la zona chirurgica, viene inserito in luogo del buchetto un tassello cutaneo prelevato nella zona retroauricolare, dalle caratteristiche simili alla zona trattata. Tale inserimento non richiede il ricorso di punti di sutura ne’ di collanti chirurgici, in quanto la tesserina cutanea si incastrera’ perfettamente nella nuova sede
  3. Come unica medicazione, l’applicazione di un cerotto chirurgico che verra’ rimosso dopo 7-10 giorni dal trattamento
  4. Per completare il lavoro microchirurgico sara’ necessaria un’ulteriore seduta (ed eventualmente un’altra ancora), realizzata a distanza di due/tre settimane da quella precedente
  5. Spesso a conclusione del ciclo chirurgico viene effettuato un peeling laser