lifting frontale

Il lifting frontale corregge l’eccedenza cutanea che si viene a formare in quest’area a seguito del naturale invecchiamento cutaneo.

Esistono diversi tipi di lifting del viso che vengono chiamati anche mini-lifting. Questi sono finalizzati al ringiovanimento di specifiche aree del viso. Il lifting frontale è quello meno richiesto perché la fronte è meno soggetta alla formazione dell’eccedenza cutanea tipica dell’invecchiamento.

Per rimediare ad una fronte segnata dalle rughe, si interviene praticando un’incisione a zig-zag sul cuoio capelluto, partendo al di sopra di un orecchio (un paio di centimetri dall’attaccatura dei capelli) e terminando al di sopra dell’altro. Viene quindi praticato lo scollamento del periostio, dei muscoli corrugatori frontali, delle sopracciglia e del piccolo muscolo verticale situato alla radice del naso (il procerus).

A questo punto, il chirurgo solleva indietro e lateralmente i tessuti ancorando la cute ed i muscoli al cuoio capelluto per mezzo di punti riassorbibili. Sganciando dal periostio, in fase operatoria, alcuni muscoli corrugatori la mimica facciale verrà inoltre limitata in modo da prevenire l’ulteriore comparsa delle rughe frontali. Attraverso il minilifting frontale si può risollevare anche il lato esterno dell’occhio e addirittura – nel caso di caduta delle guance – arrivare fino allo zigomo per risollevare anche i contorni del viso.

Prenota visita
Consulenza per immagini
Video

Botulino: A volte è un’alternativa al lifting frontale

Il botulino è la terapia infiltrativa efficace nell’ attenuare le rughe mimiche della fronte. Rappresenta una vera e propria rivoluzione nel trattamento dell’ invecchiamento del volto.

La tossina botulinica offre risultati davvero sorprendenti per tutti coloro che presentano rughe dovute all’attività dei muscoli mimici. La riduzione della motilità dei muscoli mimici permette una progressiva distensione cutanea e la scomparsa/drastica riduzione delle rughe d’espressione.
Il trattamento solitamente viene realizzato subito dopo la visita specialistica in quanto non richiede una preparazione specifica, non ci sono controindicazioni di rilievo e gli effetti collaterali sono rari e di lieve entità.

La seduta è praticata in ambulatorio senza anestesia e consiste nell’iniezione della tossina tramite un sottilissimo ago all’interno dei muscoli mimici responsabili delle rughe d’espressione.