Micro FUE HD : Il micro trapianto di capelli ad alta densità

Abbiamo fatto un passo in più nell’ evoluzione del trapianto capelli che ci permette di offrire una procedura assolutamente mini invasiva o forse sarebbe meglio dire micro invasiva in quanto lo strumento utilizzato per l’espianto ha un diametro molto minore di 1 mm.

Il trapianto capelli Micro FUE HD è in grado di eseguire un reinfoltimento del cuoio capelluto personalizzato, che tenga conto delle diverse caratteristiche del paziente come il sesso, l’età, la forma del viso e ovviamente le aspettative.

La procedura innovativa di Micro FUE HD presenta un grado di soddisfazione molto elevato perché ottiene un risultato naturale (densità altissima dei follicoli impiantati rispettando l’inclinazione naturale) e ha una guarigione molto veloce tanto che già dopo pochi giorni le zone operate non presentano le crosticine che con altre tecniche resistono anche alcune settimane.

micro fue hd line

La calvizie ti fa sembrare più vecchio e ti fa sentire più vecchio. Mi sono da poco sposato e mi sembrava di essere proprio inadeguato. Ho deciso di sottopormi al trapianto dopo qualche testimonianza raccolta. Se potesse tornare indietro l'avrei fatto 10 anni fa!
Giorgio 41 anni

Il mio problema erano le stempiature profonde, profondissime! Nel resto della testa ho capelli foltissimi. Ho cercato in internet ed ho trovato credibile la Clinica Pallaoro. Dato che sono diffidente ho chiesto di vedere qualche paziente operato. Mi è stato concesso e quindi ho potuto operarmi in serenità. Grazie mille!
Francesco 28 anni

Anche se per molti non per tutti. Alcuni soggetto non dovrebbero sottoporsi al trapianto dei capelli. Il motivo? Non solo potrebbe essere di carattere anatomico e cioè l’insufficiente quantità di follicoli nella zona donatrice oppure la sussistenza di qualche patologia controindicata. A volte il problema è di carattere psicologico ed in particolare consiste in una insufficiente maturità con aspettative non realistiche relativamente al risultato.

Trapianto capelli Micro FUE HD : L’intervento chirurgico

L’innovativa tecnica Micro FUE HD si svolge in quattro passaggi:

1

Prelievo : Espianto delle unità follicolari

Con uno speciale strumento dal diametro minore di 1 mm (0,6 mm – 0,7 mm) vengono prelevate le singole unità follicolari una alla volta dalla zona donatrice. Grazie al protocollo anestesiologico che comprende l’infiltrazione di epinefrina, l’espianto è quasi completamente non cruento. L’espianto della U.F. lascia un piccolissimo foro che guarirà spontaneamente nell’arco di un paio di giorni.

2

Selezione : Divisione delle unità follicolari

Un intervento di Micro FUE HD prevede in un caso medio l’espianto di 3.000 / 3.500 unità follicolari corrispondenti mediamente a 6.900 / 8.050 capelli. Ogni unità follicolare ha una media di 2,3 capelli. Per ottenere un risultato naturale le U.F. monobulbari espiantate dovranno  essere impiantate in “prima fila” mentre quelle pluribulbari in “seconda fila”. In questa fase quindi si procede alla selezione e classificazione delle unità follicolari da impiantare.

3

Micro incisione : Formazione della sede d’impianto

Per ottenere un risultato di alto livello è necessario impiantare le unità follicolari ad alta densità (almeno 50 U.F. per cm2) e con l’inclinazione naturale. Per fare ciò si procede alla formazione di micro incisioni con l’impiego di una lama speciale. Il numero d’incisioni dovrà essere pari a quello delle U.F. espiantate. In questa fase si realizza il disegno per l’esecuzione dell’impianto secondo la forma concordata in sede di visita.

4

Impianto : Posizionamento delle unità follicolari

Con elevata manualità e delicatezza vengono impiantate le unità follicolari nelle micro fessure create nella fase precedente. Viene rispettata l’inclinazione naturale del capelli e la densità programmata.

Dopo la fine dell’ intervento di trapianto Micro FUE HD che può richiedere anche 8 ore ed il lavoro di un team specializzato, la zona donatrice viene coperta con una garza e la zona ricevente protetta con una bandana leggera.

La micro invasività di questa tecnica consente una guarigione molto veloce e una ricrescita entusiasmante.

Tipi di unità folicolari

Dopo la seduta di trapianto capelli

L’intervento avviene in anestesia locale accompagnato da una sedazione blanda. Il paziente concluso l’atto chirurgico avrà una pronta ripresa e sarà in grado di ritornare a casa dopo poco tempo. Dovrà essere accompagnato in quanto la sedazione produce un lieve stato di ebrezza.

Non è previsto dolore post operatorio ma in funzione della diversa soglia di sopportazione potrà essere prescritto un analgesico orale.

Dopo la seduta di trapianto con la tecnica microchirurgica, sulla zona trattata si formeranno delle crosticine destinate a scomparire nell’arco di pochi giorni. Dopo 2/3 giorni avverrà il primo lavaggio dei capelli a cura del nostro personale oppure fatta a casa dal paziente dopo aver ricevuto le informazioni specifiche.

Risultato: Capelli naturali e senza cicatrici

Il risultato ottenuto con la tecnica Micro FUE HD di trapianto a singole unità follicolari è caratterizzata dall’assenza totale di cicatrici e da una consistente ricrescita dei capelli. La percentuale di capelli trapiantati che non ricrescono è statisticamente irrilevante. Il gradimento del risultato da parte del paziente normalmente è molto alto. Bisogna però tener presente che questo intervento non aumenta il numero complessivo dei capelli presente nella testa ma provvede alla ridistribuzione degli stessi. Il soddisfazione relativa al risultato ottenuto dipende anche dalle aspettative di cui è portatore il paziente. Quindi risulta fondamentale che lo stesso abbia aspettative realistiche e raggiungibili con la quantità di capelli presenti sulla zona donatrice.

Per una calvizie di dimensioni limitate è sufficiente un’unica seduta, ma qualora il caso lo richiedesse è possibile suddividere la pratica di reinfoltimento in più intervalli, distanziati tra loro di alcuni mesi. I tempi di attesa tra una seduta e l’altra non costituiscono un limite per questa tecnica: serviranno al contrario per ammirare gradualmente i risultati e per adeguare il proprio ed altrui occhio ad un reinfoltimento del cuoio capelluto più naturale e pressoché inosservato.

Autotrapianto capelli a mezzo Trilix da 700 micron

Si interviene con un innovativo drill microchirurgico messo a punto dal dottor Carlo Alberto Pallaoro: il Trilix. I bulbi o meglio le unità follicolari vengono prelevati singolarmente dall’area donatrice senza ricorrere alla temuta escissione del cuoio capelluto ed inseriti direttamente nella nuova sede senza necessità di ricorrere a suture o adesivi cutanei.

A differenza degli altri tipi di autotrapianto, qui non avviene nessun processo di cicatrizzazione, pertanto il cuoio capelluto non riporterà le tracce dell’intervento. Al termine della seduta, si saranno trapiantati un numero notevole di elementi ed il risultato atteso sarà ottimale.

I capelli trapiantati non cadono perché questi sono geneticamente più forti. La calvizie è dovuta ad un meccanismo ormonale e cellulare che non avviene nei capelli della zona donatrice e – fortunatamente – questa caratteristica viene conservata anche nella zona ricevente.

Cosa sono le unità follicolari ?

I capelli normalmente non crescono singolarmente. Infatti crescono nel cuoio capelluto in gruppi di 1 a 4 unità (raramente 5) , con una media statistica di 2,3-2,7 capelli / gruppo. Questi gruppi si chiamano unità follicolari e sono considerate elementi base della struttura anatomica dei capelli. I follicoli presenti condividono ghiandola sebacea, inserzioni muscolari, e vasi sanguigni). Il trapianto di singole unità follicolari è la tecnica moderna per correggere la calvizie nel rispetto della fisiologia capillare e della naturalezza estetica.

Trapianto delle sopracciglia

Indicato nei casi in cui le sopracciglia risultano rade dopo anni di traumi da pinzetta oppure a causa di un’alopecia aerata, che interessa anche questa zona. I bulbi da vengono prelevati anche in questo caso dalla nuca e trapiantati in modo da creare una linea adeguata alle caratteristiche del volto.

Ovviamente i follicoli trapiantati – essendo di capelli – avranno una velocità di crescita molto maggiore e quindi il paziente dovrà spuntare le sopracciglia ogni 15 – 20 giorni.

Il trapianto sopracciglia è di difficile realizzazione e solo una tecnica micro è in grado di creare un trapianto con caratteristiche analoghe alla natura.

Faq di trapianto capelli

Il trapianto di sopracciglia è efficace e ci sono aspetti negativi?
Il trapianto delle sopracciglia offre una eccellente soluzione a colore che soffrono un diradamento o una discontinuità. Il risultato della chirurgia (1 – 3 seduta) di norma è molto gradevole ma il paziente deve essere consapevole che dovrà spuntare le sopracciglia frequentemente perché nel caso specifico si tratta di capelli con una velocità di crescita maggiore.
Prima dell’ intervento di trapianto devo tagliare o rasare i capelli?
Non è assoluamente necessario tagliare o rasare i capelli né della zona domatrice ne di quella ricevente.  La tecnica Trilix è perfettamente realizzabile anche con i capelli lunghi.

Trapianto capelli e processo di diradamento

Scala di Norwood per la determinazione del tipo di trapianto capelli da eseguireIl diradamento in pazienti soggetti ad alopecia è progressivo. Normalmente inizia in giovane età e prosegue nel tempo secondo uno schema preciso. L’alopecia comunemente si evolve secondo uno schema grafico ricorrente classificato da Norwood.

La classe I corrisponde all’assenza di alopecia. La classe IIvede un arretramento dell’ attaccatura frontotemporale con eventualmente anche il diradamento del ciuffo (IIA). La classe IIIè caratterizzata da un marcato arretramento della linea anterione. La classe IV vede arretrata significativamente la lina frontale e temporale. Il vertice risulta diradato o Addirittura calvo. Le classi successive vedono ridursi ulteriormente la porzione di cuoio capelluto coperto con capelli fino alla classe VII. In questa rimane una sottile striscia a ferro di cavallo.

La correzione chirurgica trasferisce capelli geneticamente forti prelevati dalla zona donatrice non soggetti a caduta. Il rinfoltimento ottenuto potrebbe essere parzialmente vanificato da una ulteriore perdita dei capelli originari. E’ perciò molto importante che il paziente sia consapevole della eventuale necessità di sottoporsi ad una eventuale ulteriore seduta dopo qualche anno per ripristinare la capigliatura successivamente diradata. Comunque il nostro Staff consiglierà al paziente terapie scientifiche a contrasto dell’ulteriore perdita di capelli.

 

Sapevi che ci sono diversi tipi di capelli ?

In base al diametro e alla lunghezza del fusto, si possono classificare due tipi di capeli:

  1. Capelli di vello: Distribuiti su tutta la superficie corporea, sono osservabili con un ingrandimento adeguato. Il fusto è tenero, ipopigmentato, privo di midollo, di diametro minore di 0,03 mm e di lunghezza minore di 1 cm.
  2. Capeli terminali: Il fusto è più lungo, più grossolano,  dotato di midollo e pigmentato. Il diametro è superiore a 0,06 mm e la lunghezza maggiore di 1 cm.