Degenza della mastopessi

La guarigione dopo la mastopessi

La prima medicazione avviene il giorno seguente all’intervento. Dopo, la paziente dovrà astenersi da qualsiasi tipo di movimento ampio delle braccia, compresa la guida dell’auto, per almeno un paio di settimane. L’indossare un reggiseno contenitivo sia il giorno che la notte e osservare le indicazioni farmacologiche e comportamentali aiuta e favorisce la guarigione.

I primi giorni dopo l’intervento

Al momento delle dimissioni, la paziente riceve le indicazioni scritte su come trascorrere i giorni seguenti all’intervento di mastopessi, ad esempio quali movimenti evitare e come avere cura di sé.

I normali indolenzimenti sono transitori e comunque non creano grossi disagi se si seguono attentamente le prescrizioni farmacologiche e ci si reca con assiduità agli appuntamenti previsti per le medicazioni.

Dopo circa due settimane si possono gradualmente riprendere le normali attività indossando un comodo reggiseno elastico, come quelli sportivi, che facilita la normalizzazione e l’assestamento dei tessuti.

Ai fini di ridurre il rischio di formazione di cicatrici esteticamente insoddisfacenti è molto importante che la paziente osservi meticolosamente le indicazioni impartite da parte del chirurgo relativamente al movimento delle braccia consentito nelle prime settimane. La trazione meccanica dei lembi tende ad aumentare il tessuto cicatriziale. Si ricordi comunque che la bontà della cicatrice dipende molto dalla biologia specifica della paziente.

 

Sono una buona candidata alla mastopessi?
La paziente adatta a questo intervento presenta le mammelle cadenti (ptosi mammaria), ha un buono stato di salute fisico e ha una buona maturità psicologica. La paziente adatta deve valutare positivamente il cambiamento estetico del seno che prevede il sollevamento ma anche delle cicatrici permanenti. Il chirurgo estetico durante la visita medica dovrà valutare tutti questi aspetti.