Preparazione alla mastoplastica additiva

Nel periodo preoperatorio alla mastoplastica additiva la paziente deve:

  • assumere le informazioni relative all’intervento chirurgico, risultato previsto, periodo di guarigione e rischi / complicanze
  • rilasciare il consenso informato alla procedura
  • fare gli esami del sangue e ECG
  • organizzare le 2 settimane successive all’intervento

Informazioni preoperatorie

La prima visita medica con il chirurgo ha lo scopo di fornire alla paziente candidata tutte le informazioni necessarie per una adeguata valutazione dell’opportunità di sottoporsi alla procedura chirurgica. In quella sede è fondamentale fugare tutti i dubbi circa l’intervento, ma soprattutto di capire quali siano le opzioni e le possibilità di ciascuna tipologia di percorso. La prima visita è assolutamente valutativa e non vincolante ed è un’opportunità per porre domande e ricevere informazioni competenti e dettagliate.

Mastoplastica additiva Preparazione: esami del sangue
Mastoplastica additiva
Consulenza seno
Prenota visita

Per evitare di dimenticare qualche domanda è consigliabile scrivere a casa un elenco dei dubbi da chiarire, farmaci eventualmente assunti, interventi chirurgici passati e allergie sofferte. Può essere utile portare anche la documentazione sanitaria passata (cartelle cliniche d’interventi, ecografie, mammografie, ecc).

Il preventivo dei costi della mastoplastica additiva che viene prospettato in sede di visita comprende tutto il programma chirurgico e post chirurgico, le protesi, il personale, le medicazioni e i controlli da eseguire nel post operatorio.

Mastoplastica additiva Preparazione ed esami clinici

Nel corso del primo colloquio, il chirurgo estetico avrà raccolto una serie di dati sullo stato di salute della paziente e avrà consigliato una serie di esami ematoclinici da eseguire ed un elettrocardiogramma. In alcuni casi il chirurgo prescriverà ulteriori accertamenti per definire meglio alcuni aspetti legati alla storia clinica della paziente. Solo se gli esiti dell’anamnesi risultano nella norma, la paziente può sottoporsi all’intervento.

Inoltre, una settimana prima del giorno stabilito, si dovrà evitare di fumare o comunque ridurre drasticamente il numero di sigarette. Si dovranno sospendere – sempre con l’autorizzazione del medico curante – alcuni farmaci che possono aumentare il rischio di eccessivo sanguinamento e formazione di ematomi.

È estremamente importante dire al chirurgo plastico tutti i farmaci e integratori che vengono assunti, eventuali allergie sofferte e tutte le notizie utili per determinare un quadro completo relativo alla propria salute.