Protesi seno incapsulata

Protesi seno incapsulata e tipi d’impianti mammari

Incapsulamento della protesi

La contrattura capsulare o incapsulamento della protesi è la più ricorrente complicanza associata all’ inserimento di protesi al seno. Durante la guarigione si forma una sottile capsula fibrosa attorno alla protesi. Tale formazione corrisponde alla normale reazione del corpo all’ inserimento dell’ impianto.

Tale capsula normalmente è sottile e impalpabile. In casi particolari può ispessirsi e comprimere la protesi portando all’ indurimento del seno e alla modifica della forma.

La contrattura capsulare ha un’incidenza del 4-5% dei casi entro i primi 10 anni dall’ intervento. Questa complicanza non rappresenta un rischio per la salute ma esclusivamente un rischio per la bontà estetica del risultato con eventuale sensazione di disagio.

Le moderne protesi hanno la superficie microscopicamente rugosa per ridurre la severità della contrattura capsulare.

Il comune atteggiamento delle pazienti dopo la mastoplastica additiva a mantenere il seno senza sollecitazioni meccaniche aumenta la probabilità d’incapsulamento. La manipolazione specifica del seno durante la formazione della capsula riduce l’incidenza del rischio d’ incapsulamento. Un’ adeguata informazione alla paziente in fase post chirurgica sarà fondamentale nella gestione del processo di guarigione.

protesi seno incapsulata